Il presidente Trump probabilmente non avrà più a che fare con la Cina

Melek Ozcelik
Trump Cina

Trump Cina

EconomiaNotiziaLe migliori tendenze

Sommario



Affermazione Trump

Il presidente Trump è stato assolutamente esplicito riguardo alla sua delusione per l'intera amministrazione cinese.



Era persino arrivato al punto di chiamarlo 'il virus cinese', incolpando la Cina di non aver contenuto il suo sfogo.

E ora ha dato un segno più letale di un'apparente fine del suo rapporto con la Cina.



Cosa Procede

Ha detto che non era interessato a parlare con il presidente cinese Xi Jinping ora o presto.

Ha anche suggerito che potrebbe andare avanti e tagliare i legami con lui, con il paese che possiede la seconda economia più grande del mondo!

In una recente intervista, ha criticato il governo cinese per non aver adottato le misure necessarie per combattere il virus nel proprio paese d'origine.



Ha umiliato la loro gente, dicendo quanto fossero stati indisciplinati e irresponsabili, il che aveva portato alla morte di oltre 2,5 lakh di persone in tutto il mondo.

La Cina e gli Stati Uniti avrebbero dovuto avere un enorme accordo commerciale questo febbraio, ma ora che questa piaga è arrivata su di loro e poiché sai quanto sia sospettoso Trump su tutta questa faccenda, ha annunciato che non avrebbe più stretto un accordo commerciale con loro .

Trumplomazia: cosa



Cosa aspettarsi

Un repubblicano aveva chiesto a Trump se avrebbe annullato i visti degli studenti cinesi che vengono negli Stati Uniti per studiare intelligenza artificiale.

Trump ha detto che poteva farlo, o non poteva. Potrebbe semplicemente mantenere intatta la relazione o potrebbe sgretolarla per intero.

Aveva criticato la Cina per la perenne terza guerra mondiale e non vedo alcun accordo commerciale nel prossimo futuro. Non quando Trump ha deciso.

Inoltre, il fatto che gli Stati Uniti siano stati i peggiori a causa del virus, ci sarà tutto tranne che una relazione fiorente tra i 2 paesi.

Leggi anche: i tweet di Trump avvertono le persone di 'ragazzi ricchi'