La presa di Trump di Robert De Niro

Melek Ozcelik
Robert De Niro

Robert De Niro

NotiziacelebritàLe migliori tendenze

Sommario



Quello che Robert aveva da dire

Il donatore di colpi del Padrino e Taxi Driver Robert De Niro, in una videoconferenza, ha esaminato Trump.



Ha detto che Trump era un pazzo a cui non importa davvero quante persone muoiono a causa dell'oltraggioso coronavirus.

Non è la prima volta che critica il presidente, comunque. Ha continuato dicendo come l'intera scena fosse shakespeariana.



Ha continuato dicendo come Trump sia tutt'altro che influenzato dal numero di morti che ci sono state negli ultimi tempi.

Robert De Niro e l

Le caratteristiche di Trump

Robert ha detto che Trump vuole essere rieletto e questo è tutto. Non si preoccupa di nient'altro.



Gli Stati Uniti hanno riportato più di 80.000 morti negli ultimi 2 mesi e mezzo con oltre 1,4 milioni di casi.

Questo, semmai, ha portato a un fatale calo dell'economia, colpendo un calo del 14%, il peggiore dopo la Grande Depressione.

De Niro ha detto che tutti i sostenitori di Trump non sono altro che illudersi avendo fiducia esclusivamente in Trump.



Leggi anche: Dove diavolo sta guidando Trump? Ha detto che Trump non è affatto infastidito da coloro che lo vedono come un messia. Robert viene da New York, che è stata l'epicentro dell'epidemia. Reale o bobina?

Andrew Cumono, il governatore della città, tuttavia, è stato elogiato da Robert, che ha detto di aver fatto un buon lavoro.

Ha continuato dicendo che la quantità di sforzi che Andrew ha fatto, avrebbe dovuto essere messa anche da Trump.

Ma il, sai, Trump semplicemente non sa come farlo. *alza le spalle*

Ha anche detto che gli piacerebbe interpretare il ruolo del governatore se fosse mai stato girato un film sulla pandemia.

L'intera città di New York, insieme a molte altre grandi città, sembra ridicolmente deserta.

Di più, come un film di fantascienza.

Robert ha sempre messo a dura prova Trump sin dal suo ingresso come 45° Presidente degli Stati Uniti.