Mad Max: L'inizio e la fine di Fury Road sono state riprese

Melek Ozcelik
Mad Max: Fury Road

Mad Max: Fury Road'

FilmCultura pop

In precedenza abbiamo spiegato come la produzione di Mad Max: Fury's Road fosse turbolenta quanto il mondo in cui si svolge. Da George Miller che non è stato in grado di trasmettere al cast l'intera portata del film alle tensioni sul set tra Charlize Theron e Tom Hardy, il film è stato un girato notoriamente difficile .



Oltre a tutto questo, i dirigenti dello studio erano molto preoccupati per il superamento del budget del film. Tanto è vero che le riprese principali del film sono terminate prima ancora che Miller potesse girare l'inizio o la fine, entrambi avvenuti alla Cittadella.



Leggi anche: Charlize Theron e Tom Hardy parlano di Mad Max: Fury Road

Tom Hardy e Charlize Theron rivivono i combattimenti su Mad Max Fury Road...



Mad Max: cosa è successo sul set?

In un'intervista con Collider, Miller racconta come sono andate le cose durante le riprese. Anche Zoe Kravitz è intervenuta, dicendo che la Warner Bros. stava impazzendo considerando il fatto che il film stava superando il budget. Per non parlare del fatto che lo studio si aspettava un film PG-13 con una durata inferiore ai 100 minuti. La montatrice del film Margaret Sixel ha parlato a lungo di come fosse un compito impossibile. Alla fine, il prodotto finito è stato valutato R e ha funzionato per 120 minuti, il che ha portato a una disputa tra Miller e lo studio. Lo studio era riluttante a dare il via libera a un sequel nonostante il film fosse riuscito a rispettare il budget di $ 157 assegnato.

John Seale ha aggiunto che la situazione era diventata così grave Kevin Tsujihara è stato costretto a volare nel deserto della Namibia per mettere le cose a posto. Miller ha detto che questo ha portato a un intenso confronto tra Tsujihara e Jeff Robinov, il dirigente dello studio in carica. Doug Mitchell ha poi aggiunto che è stato loro ordinato di interrompere le riprese l'8 dicembre 2013, qualunque cosa accada. Per così dire, la troupe non aveva ancora girato nessuna delle scene nella Cittadella. Le scene sono state cruciali considerando che il film non solo inizia ma finisce anche alla Cittadella. Andare in post-produzione senza quelle scene è stato probabilmente un compito molto difficile.

Ma abbastanza presto Jeff Robinov ha perso il lavoro in studio e Kevin Tsujihara, l'ex CEO della Warner Bros. Il film è stato autorizzato a condurre le riprese in Australia, dove hanno girato le scene di apertura e di chiusura. È difficile immaginare il film senza le cose della Cittadella, a dire il vero!